EL  GRANZIO

­ Na volta ghe giera marìo e mugier, e i gaveva tre fioi.
Sto marìo fava el pescaor, e l’andava via e el vegniva a casa, e mai el giera bon de  ciaparse un lombardo.
Un giorno, fra i altri, el va via a pescar, e el cala zo la rede, e el sente un gran peso che no ‘l pol  tirar suzo: tira e tira, e finalmente el tira suzo un granchio tanto grando, che co do oci non se poteva vedar.
– Oh, caro Dio (el dise) cossa che go ciapà ancuo!….almanco Dio fazze che m’avesse ciapà la polenta per i mii bambini! –
Là, el va a casa, e, tuto contento, el ghe dise a so mugier :
Ciò? Varda sta maravegia!…Adesso vago a vèdar se fortuna me dà de poterlo vendar; e ti, intanto, meti suzo la caldiera de la polenta.
– Infatti, el ciapa sto granzio in spala  e el va via. Camina e camina, e el trova un gran palazzo: el sona la campanela e vien al balcon la serva, e sta serva ghe dimanda cossa che el vol, e lu ghe dise se se podarave parlar co sacra maestà re.
   Bisogna notar che sto re gaveva tre fie, e che la più picola gera la so fissata, quella che el gaveva in bon ocio. Sta giovine gaveva la passion de andar in giardin a vèdar i pesci che la gaveva su la so pesca.
   Dunque i ghe risponde a sto pescaor che el vaga pur avanti.
Elo el ciapa su e el và de suzo co sto granzio in spala, e co’ el xè davanti sto re, el ghe dise:  - Sacra maestà re, so’ vegnìo da elo per vèdar se ‘l me fa carità de comprar sto granzio, chè gò messo la caldiera suzo co l’acqua e no gò bezzi da tor al farina.
– Dise sto re: - Oh, cossa vustu che ghe ne fazza mi de sto granzio? Varda se ti pol darghelo a qualchidun altro. -  La fia de sto re, co sente menzionar sto granzio, la core e la se mete a dir : - Papà mio, fame sto gran piasser : tolmelo, tolmelo, che lo metaremo  in pesca co l’orada e el scievolo. -  Sicome che la giera contentada in tuto, sto so pare el gà conçedesto anca sta grazia.
-  Ciapa, (dise el re a sto pescaor ) ciapa Sta borsa d’oro, va da basso e buta el granzio in pesca. – Infati sto pescaor Tuto contento d’aver ciapà sti bezzi, el va da basso e el buta sto granzio in pesca;  e el va a casa, e i fa subito la polenta, che se sa, e i magna alegramente.
   Adesso no se ghe ne parla altro del pescaor, e andemo su la fia del re.
Sta fia, dopo che la gà ‘vuo sto granzio, no la se lontanava mai da la pesca, e so papà giera tuto contento. Un giorno, fra i altri, sta tosa giera là che la vardava e la adorava sto granzio, e la sente che i sona la campanela. Ela va al balcon e la vede che xe un povaro vecio. Ghe dise sto vecio: - Parona, la me fazza la carità…la me dona qual cossa! – Sì, sì, bon vecio; spetè un momentin, che adesso vegno. – E la va su la so camara e la tol una borsa de oro e la ghe  la buta a basso: - Ciapè, ciapè, bon vecio. –
   Se dà la combinazion che sta borsa sbrissa fora de man a sto vecio e la casca drento su un fosso: - Ah, ( dise sto vecio ) provareto mi! – e subito el se buta drento in fosso anca elo. El va soto soto e avanti avanti, e el riva soto la pesca de sta giovine e el se ritrova su ‘na gran sala. Là el vede ‘na gran tola co tuto el so parecio, e tuto el pranzo parecià, e gh gera quatro careghe, e ghe giera tuti i balconi co le coltrine de seda, e el dise:  -  Oh, caro Dio, dove sogio capità! Basta…. za che so qua, vogio vedar che xè. – E el cipa su e el se sconde da drio una de ste coltrine.
   A desso bisogna saver che sta fia del re cò giera mezogiorno no la vedeva più sto granzio e gnanca l’orada e el scievolo che la gaveva in sta pesca, e cò giera tre boti passai la li vedeva a capitar ancora.
   Sto vecio, che giera da drio la coltrina, cò xe in punto a mezogiorno, el vede che vien ‘na belissima giovine, e, drio de ela, un granzio, un orada e un scievolo. Ela bate ‘na bachetina, e ghe vien fora tre bellissimi giovini, e i lassa el scorzo per tera: quello ghe lassa el scorzo del granzio, st’altro quelo de l’orada, e quel altro quelo del scievolo. Sta giovine ghe dise: - Ordenè  quel che volè, che mi bato bacheta e ve fazzo comparir. – Lori i ordena, e ela bate bacheta e ghe vien fora  tuto quel che i desiderava; e là, i magna e i beve. Cò i gà ben magnà e bevuto, el ghe dise: -  Adesso che gavè magnà, tornè sul vostro scorzo e diman farè istesso servizio. – E lori se fica sul so scorzo e i va via, e dopo, va via anca ela. – Alora sto vecio, a pian pianino, el ciapa su e el vien via, e el sorte fora da la pesca, dove ghe giera sta fia del re. – Ela, che se vede comparir sto vecio, ghe dise: - Oh, brigante d’un vecio, cossa vienstu a far qua, ti? Dise sto vecio – La tasa, paronsina, che gò da contar ‘na maravegia. -  E el ghe conta tuto quelo che lu ga visto. Ela alora gà capìo parchè sto granzio ghe mancava tre ore al giorno, e la dise: - Bon vecio, insegnime come ti gà fato a andar. – Ben, cò sarà diman a mezogiorno andaremo tuti do.
   Se mai sta giovine la giera inamorada su sto granzio, adesso la giera morta spanta per elo.
   Cò xè ‘l giorno drio, sto vecio va a levarla, e i va tuti do par soto la pesca, e i se ritrova su sta grande sala che sto vecio gaveva visto. Là che i xè, i se sconde tuti do da drio ‘na coltrina, e cò xe in punto mezogiorno, i vede capitar sto granzio sta orada e sto scievolo, a drio, vien sta bela giovine. Apena rivai drento tuti, sta giovine bate  bachetina, e vien fora tre bei giovini.  Dise  ela: - Disè quelo che volè, che ve capitarà in tola. – Infatti i ordena, e ghe vien tuto quelo che i gà ordenà. I magna e i beve, come ‘l solito, e i fa ‘na partìa de discorsi, e, vien i tre boti, e sta giovine ghe dise: - Cò no trovè quela che v’à da amar, vualtri no ve delibarè altro.- Ghe tocava un giorno par omo a andar via prima, e questa giera la volta che ghe tocava andar via prima a sta giovine. Infati, va via sta giovine e resta lori tre soli.
   La fia del re, che giera sconta, co la vede che i xè soli, la se pensa de vegnir fora, e in tel sortir, che la fa, la sbrissa drento nel scorzo del granzio.
   Dunque lori i finisse da discorer e dopo va drento nel scorzo, prima orada e po’ el scievolo, e l’ultimo xe el granzio. Questo fa per verzar el scorzo e el vede sta belissima giovine, e el ghe dise: - No, per l’amor di Dio, no! Parchè se vien la mia fada, perisso mi e anca ti. – Sta giovine no vol andar via, e la ghe dise che ela se tol l’impegno de deliberarlo, basta che lu ghe insegna.
- Oh, ( dise sto granzio ) questo no xe possibile, parchè, a deliberarme mi, che vorave una che me volesse ben e che la fosse pronta anca a perir per mi. -  E mi ( dise sta giovine ) me togo sto impegno. – Alora elo ghe dise: - Ben, senti, che adesso te insegnarò cossa che ti ga da far: ti andarà in çima d’un scogio de mar, e portite  suzo ‘na bela musica e canta adrìo, che quela giovine che ti ga visto, la xe mata per i soni e per i canti; e ti sentirà che al te dirà: la sona , bela giovine, che mi me piase tanto. E ti rispondighe: mi si che sono, basta che la me daga quel fior che la ga in testa. E ela te dirà: E mi te lo dono, basta che ti lo vaghi a ciapar in dove te lo buto.  Varda che co ti ga sto fior in man, mi so libero, perché quelo xe la mia vita. -  Ela ghe dise che sarà fato, e la vien via, e sto granzio va drento del so scorzo e el core su la so pesca. Apena  che sta giovine xe de suso, la ghe dà dei boni bezzi a sto vecio, e po la core da so papà e la ghe dise: - Mi gò pensà de imparar un poca de musica e un poco de canto. – Elo, parchè el la contentava in tuto, el manda a ciamar i megio musicanti e i megio cantadori per ‘ver da insegnar a sta so fia. Co la ga ben imparà, la ghe dise a so papà: - Papà, gò pensà de andar a sonar un poca de musica sul scogio de mar, e mandime a drio oto damigele, tute vestie de bianco. -  Dise so papà: - Xestu mata de andar sul scogio del mar? – Ma. ( dise ela ), tanto è e tantobasta; mi vogioandar, e se el ga paura de qualcossa….de qualche tradimento, el me manda da lontan un poca de trupa. -  Ghe dise so papà: Zà che ti vol andar, va pur esarà fato tuto. –
         Andemo che vien el giorno che la fa partenza co le oto damigele. La camina e la camina, e finalmente la riva su un scogio de mar; e là ela se mete a sonar ‘na più bela musica, che tuti se inamora su sta musica e in sta giovine cussì bela, e cussì ben vestìa, come che la gera. Tuto su un momentola vede da lontan che ghe vien incontro quela belissima giovine che la gaveva visto su quela sala: questa ghe dise: - Oh, che pulito che la canta quela giovine!…..la sòna, la sòna, che me piase tanto sentir. – st’altra ghe dise: - Mi sì che sòno, basta che la me dona quel fior che la ga in testa, parchè mi vado mata per i fiori. – Emi ghe lo darò ( dise la fada ) basta che la vaga a tor in dove che lo buto. – Dise sta giovine: - E mi andarò. –
   E subito la se mete a sonar e a cantar, e dopo che la ga sonà e cantà, la ghe dimanda sto fior. -  No te indubitar ( dise la fada ) che te lo dago – e la ciapa sto fior, e, de quanta anema che la gà, la lo buta lontan in mar, e la dise: - adesso vatelo a tor. –
   Apena che sta giovine vede sto fior in mezo al mar, la core e la se buta anca ela in acqua. Se se pol imaginar  alor la disperazion de le so damigele: - Ah paronsina ( le se mete a sigar )……xela mata?…la se nega, la se nega! – Ma le gaveva un bel sigar, lore! Ela va avanti, e co la ve avanti un toco, la vede sto fior che vien inverso de ela: - Ah, la dise, adesso so salva. – Infati la riva a ciapar  sto fior, e la sente ‘na vose per soto che ghe dise: - Ti ti m’ à dà la vita, e ti sarà la mia sposa. Adesso no ver paura, che soto so mi e te solevarò da l’acqua. E senti: no dir gnente a nissun e gnanca al to papà, e mi vago da mia mare e da mio padre, e, tempo ventiquatro ore, vegno e te sposo. – Ghe risponde ela, perché no la gaveva più fià: Ben, ben, go capìo. –
   Dunque sta giovine la torna a casa co le so damigele, e la ghe dise a so papà che la s’à divertìo tanto, e gnente altro.
   Co xe el giorno drio, in punto ai tre boti, se sente a palazzo un gra ruzor de tamburi, de trombe e de cavai, e vien avanti un magiordomo a dir che ghe xe el fio del re che dimanda se el pol entrar.  El re ghe manda a dir che el vaga pur avanti; e questo qua va avanti, e dopo un poco di complimenti, el ghe dise che el ga idea de so fia picola, e el ghe conta tuto l’arcano
Sto re resta incantà, parchè, cazza, el gera al scuro de tuto, e el ciam so fia: questa, apena vede sto giovine, la ghe core incontro, e la dise a so papà – Questo xe el mio sposo. -  Alora sto so pare ga capio tuta la storia, e, contento, contentissimo, el ga fato oto giorni de corte bandìa, e là, i ga fato le nozze, e sti do sposi i ga vivesto sempre in bona pase e carità come i lovi.